Arredamenti Martinel

Riva

Briciole Riva 1920

Richiedi il prezzo per questo prodotto cliccando sul pulsante in fondo alla pagina.
Briciole Riva 1920
CLICCA LA FOTO PER INGRANDIRE
PAGAMENTO SICURO
PRODOTTI ORIGINALI
Riva

Briciole Riva 1920

Richiedi il prezzo per questo prodotto cliccando sul pulsante in fondo alla pagina.

Alberi consumati dal tempo e dall’acqua. Architetture tra cielo e mare. Sculture di bellezza imperfetta. Natura e artificio. Riva1920 mi ha invitato a dare una seconda vita a queste anime filiformi. Una sfida bellissima. Ho cercato di immaginare quanti ricordi, pensieri, fantasie e sogni sono passate accanto a loro nel tempo. Sono i piccoli ...

Altre informazioni

Alberi consumati dal tempo e dall’acqua. Architetture tra cielo e mare. Sculture di bellezza imperfetta. Natura e artificio. Riva1920 mi ha invitato a dare una seconda vita a queste anime filiformi. Una sfida bellissima. Ho cercato di immaginare quanti ricordi, pensieri, fantasie e sogni sono passate accanto a loro nel tempo. Sono i piccoli oggetti che ho nascosto nel legno. Con un gesto che non si sovrappone e non cancella, ma accosta e intreccia all’essenza delle briccole tante altre storie. Un pesciolino rosso, un occhio di vetro blu portafortuna, un gatto giapponese, una piccola teiera Yi Xing, una  zucca cinese, una grande conchiglia, un ganesh di pezza, un pezzo di vetro di Murano, un portamonete con la faccia di panda, un porta-uova turchese, un anello di perline, un cornetto rosso portafortuna, un libro di Agata Christie, un paio di occhiali da sole, un sacchetto di semi, una boccetta di Violetta di Parma, una scatoletta di pastiglie Leone, un ex-voto… Tante cose sono passate accanto alle briccole. Briciole catturate senza fretta.

Finitura base:

Ferro naturale

Finitura struttura:

Briccola

Dimensioni:

245 x 50 x h 174 cm

 

Altre informazioni


Alberi consumati dal tempo e dall’acqua. Architetture tra cielo e mare. Sculture di bellezza imperfetta. Natura e artificio. Riva1920 mi ha invitato a dare una seconda vita a queste anime filiformi. Una sfida bellissima. Ho cercato di immaginare quanti ricordi, pensieri, fantasie e sogni sono passate accanto a loro nel tempo. Sono i piccoli oggetti che ho nascosto nel legno. Con un gesto che non si sovrappone e non cancella, ma accosta e intreccia all’essenza delle briccole tante altre storie. Un pesciolino rosso, un occhio di vetro blu portafortuna, un gatto giapponese, una piccola teiera Yi Xing, una  zucca cinese, una grande conchiglia, un ganesh di pezza, un pezzo di vetro di Murano, un portamonete con la faccia di panda, un porta-uova turchese, un anello di perline, un cornetto rosso portafortuna, un libro di Agata Christie, un paio di occhiali da sole, un sacchetto di semi, una boccetta di Violetta di Parma, una scatoletta di pastiglie Leone, un ex-voto… Tante cose sono passate accanto alle briccole. Briciole catturate senza fretta.

Finitura base:

Ferro naturale

Finitura struttura:

Briccola

Dimensioni:

245 x 50 x h 174 cm

 

Riva

C'era una volta il 1920, siamo in Brianza, in una piccola bottega a Cantù, un tranquillo artigiano lavora quotidianamente e con tanto amore e rispetto il legno. È un’arte la sua, arredi semplici, di eleganza raffinata. Questo artigiano era Nino Romano.

Gli anni passano e il lavoro continua sempre con più impegno valorizzando continuamente i processi produttivi.

Nel 1992 per la prima volta, Riva 1920 presenta, al Salone Internazionale del Mobile di Milano, la sua prima collezione. In questo frangente, Riva 1920 si fa conoscere in Italia e all’estero, è un inevitabile successo.

Intuito imprenditoriale, collaborazioni con architetti di fama internazionale e l’ingresso in azienda della quarta generazione Riva affiatata più che mai, hanno dato inizio all’evoluzione verso nuovi mercati, nuovi orizzonti nel pieno rispetto della filosofia aziendale che unisce funzionalità, estetica delle forme, senza dimenticare l’importanza del viver sano e sostenibile. L’azienda introduce, oltre che ai legni di riforestazione americani, i legni di riuso  quali il millenario Kauri della Nuova Zelanda, le Briccole della Laguna di Venezia e il Cedro del Libano; il legno infatti è una risorsa rinnovabile ma non infinita.

Nel 2010 ha termine il suggestivo edificio Riva Center, totalmente ricoperto di legno di larice, con 1200mq di Showroom che esalta l’essenza e l’unicità dei prodotti e un primo piano dedicato al Museo del Legno con oltre 4000 pezzi in esposizione.

Riva 1920, amore per la natura, ricerca di un’alta qualità della vita, unite a tradizioni, cultura, creatività, innovazione, artigianalità e tecnologia danno vita giornalmente a qualcosa di speciale, unico e senza tempo: questo è l’arredo firmato Riva 1920.

Riva 1920, vero legno naturale; Riva 1920 garanzia di un prodotto totalmente Made in Italy.

Paola Navone

Nel 1973 si laurea in architettura al Politecnico di Torino. Tra gli anni '70 e '80 opera - accanto ad Alessandro Mendini, Ettore Sottsass Jr., Andrea Branzi - nel gruppo Alchimia, l'ala più avanzata della scena italiana del design, sviluppando una posizione d'avanguardia altamente stimolante e produttiva, che le vale, nel 1983, il prestigioso International Design Award di Osaka, assegnato in quell'anno per la prima volta.

Torinese d'origine e milanese d'adozione, è, prima di tutto, cittadina del mondo: animata da una vivace curiosità per le culture più diverse - soprattutto orientali - si trova spesso in viaggio, assecondando una naturale disposizione all'attraversamento dei confini, non solo geografici; la sua lunga e complessa carriera la vede infatti muoversi con felice disinvoltura tra i ruoli di architetto, designer, art director, arredatrice, saggista, insegnante, curatrice di esposizioni ed eventi, sia in proprio che per una committenza selezionata: Abet Laminati, Armani Casa, Knoll International, Alessi, Piazza Sempione, Mondo, Driade, Orizzonti, Arcade, Oltrefrontiera, Casamilano, Antonangeli, Dada, Molteni, Natuzzi, Roche Bobois, Swarovski, sono solo alcuni dei possibili esempi. Per Gervasoni cura dal 1998 la direzione artistica dell'azienda, oltre ad occuparsi in prima persona del disegno di gran parte delle collezioni.