Arredamenti Martinel

Riva1920 by Lamborghini

Klutch Sedia - Riva 1920 by Lamborghini

Richiedi il prezzo per questo prodotto cliccando sul pulsante in fondo alla pagina.
Klutch Sedia - Riva 1920 by Lamborghini
CLICCA LA FOTO PER INGRANDIRE
PAGAMENTO SICURO
PRODOTTI ORIGINALI
Riva1920 by Lamborghini

Klutch Sedia - Riva 1920 by Lamborghini

Richiedi il prezzo per questo prodotto cliccando sul pulsante in fondo alla pagina.

 

sedia imbottita e rivestita in pelle con cuciture a vista. Dalle forme sinuose ed avvolgenti è dotata di struttura sagomata in legno massello.

Finitura struttura:  

Noce olio

Finitura seduta:

Pelle

Dimensioni:

48 x 48,5 x h 45/79,5 cm

 

...

Altre informazioni

 

sedia imbottita e rivestita in pelle con cuciture a vista. Dalle forme sinuose ed avvolgenti è dotata di struttura sagomata in legno massello.

Finitura struttura:  

Noce olio

Finitura seduta:

Pelle

Dimensioni:

48 x 48,5 x h 45/79,5 cm

 

Altre informazioni


Visualizza video
Klutch Sedia - Riva 1920 by Lamborghini


 

sedia imbottita e rivestita in pelle con cuciture a vista. Dalle forme sinuose ed avvolgenti è dotata di struttura sagomata in legno massello.

Finitura struttura:  

Noce olio

Finitura seduta:

Pelle

Dimensioni:

48 x 48,5 x h 45/79,5 cm

 

Riva1920 by Lamborghini

Linee sinuose ed eleganti in grado di stupire per la fattura e per il pregio dei materiali utilizzati, naturali ed autentici come il legno massello di noce e la pelle.
Riva 1920 lancia una nuova collezione di arredi in collaborazione con Automobili Lamborghini.

Incontro di tradizione e innovazione, straordinaria cura per i dettagli, sapienza artigianale, passione e design, sono alla base della collaborazione tra due grandi eccellenze produttive italiane.

Karim Rashid, designer riconosciuto a livello internazionale, firma l’intera collezione fondendo, con la sua sorprendente personalità, i mondi Riva 1920 e Lamborghini.

Karim Rashid

Karim Rashid è uno dei designer più prolifici della sua generazione. Oltre 4000 progetti in produzione, oltre 300 premi e lavori in oltre 40 paesi attestano la leggenda del design di Karim.

I suoi progetti premiati includono beni di lusso per Christofle, Veuve Clicquot e Alessi, prodotti democratici per Umbra, Bobble e 3M, mobili per Bonaldo e Vondom, illuminazione per Artemide e Fontana Arte, prodotti high-tech per Asus e Samsung, design di superficie per Marburg e Abet Laminati, identità del marchio per Citibank e Sony Ericsson e packaging per Method, Paris Baguette, Kenzo e Hugo Boss.
 
Il tocco di Karim si estende oltre il prodotto agli interni come il ristorante Morimoto, a Filadelfia; Semiramis hotel, Atene; nhow hotel, Berlino; Stazione della metropolitana Universita, Napoli e progetto espositivo per Deutsche Bank e Audi.
 
Il lavoro di Karim è presente in 20 collezioni permanenti e espone opere d'arte in gallerie di tutto il mondo. Karim è un vincitore perenne del premio Red Dot, premio Chicago Athenaeum Good Design, rivista annuale I. Design Magazine, premio IDSA Industrial Design Excellence.
 
Karim è un docente ospite frequente presso università e conferenze in tutto il mondo che diffonde l'importanza del design nella vita di tutti i giorni. Ha conseguito il dottorato onorario presso l'OCAD di Toronto e il Corcoran College of Art & Design di Washington. Karim è stato descritto in riviste e libri tra cui Time, Vogue, Esquire, GQ, Wallpaper e molti altri ancora.
 
L'ultima monografia di Karim, XX (Design Media Publishing, 2015), presenta 400 pagine di lavoro selezionate negli ultimi 20 anni. Altri libri includono From The Beginning, una storia orale della vita e dell'ispirazione di Karim (Forma, 2014); Sketch, con 300 disegni a mano (Frame Publishing, 2011); KarimSpace, con 36 progetti di interni di Karim (Rizzoli, 2009); Design Your Self, la guida alla vita di Karim (Harper Collins, 2006); Digipop, un'esplorazione digitale della computer grafica (Taschen, 2005); Portfolio Design compatto (Chronicle Books 2004); oltre a due monografie, intitolate Evolution (Universe, 2004) e I Want to Change the World (Rizzoli, 2001).
 
Nel suo tempo libero il pluralismo di Karim flirta con l'arte, la moda e la musica ed è determinato a toccare in modo creativo ogni aspetto del nostro paesaggio fisico e virtuale.