Arredamenti Martinel

Fiam

Roy Fiam

Prezzo a partire da € 2.815,00 € 3.312,00
Roy Fiam
CLICCA LA FOTO PER INGRANDIRE
PAGAMENTO SICURO
PRODOTTI ORIGINALI
Fiam

Roy Fiam

Prezzo a partire da € 2.815,00 € 3.312,00

Design: Doriana e Massimiliano Fuksas

Il tavolino Roy, disegnato da Doriana e Massimiliano Fuksas, è caratterizzato da una superficie misteriosa che attira lo sguardo e riflette il mondo circostante senza deformarlo. Speculazione come conoscenza indiretta della realtà e della sua immagine rovesciata. Quattro sostegni in acciaio ...

Altre informazioni

Design: Doriana e Massimiliano Fuksas

Il tavolino Roy, disegnato da Doriana e Massimiliano Fuksas, è caratterizzato da una superficie misteriosa che attira lo sguardo e riflette il mondo circostante senza deformarlo. Speculazione come conoscenza indiretta della realtà e della sua immagine rovesciata. Quattro sostegni in acciaio verniciato, alternati in bianco e in nero, evocano la sospensione di un corpo astrale. Una percezione amplificata dal gioco sottile delle superfici. 

Tavolino composto da un piano in vetro trasparente in appoggio su base in vetro curvato da 10 mm di forma concava retro argentata, disponibile in diverse finiture. Ad essa sono fissate 4 gambe smontabili verniciate bianche o nere, con piedini in acciaio spazzolato.

Finitura piano:

Vetro trasparente

Vetro extralight

Vetro bronzo

Vetro fumè

Finitura sottopiano:

Vetro curvato retro argentato

Vetro fumè curvato e retro argentato

Finitura gambe:

Verniciato nero

Finitura piedini:

Acciaio spazzolato

Dimensioni:

Ø 120 x h 40 cm

Ø 130 x h 40 cm

Ø 140 x h 40 cm

Altre informazioni




Design: Doriana e Massimiliano Fuksas

Il tavolino Roy, disegnato da Doriana e Massimiliano Fuksas, è caratterizzato da una superficie misteriosa che attira lo sguardo e riflette il mondo circostante senza deformarlo. Speculazione come conoscenza indiretta della realtà e della sua immagine rovesciata. Quattro sostegni in acciaio verniciato, alternati in bianco e in nero, evocano la sospensione di un corpo astrale. Una percezione amplificata dal gioco sottile delle superfici. 

Tavolino composto da un piano in vetro trasparente in appoggio su base in vetro curvato da 10 mm di forma concava retro argentata, disponibile in diverse finiture. Ad essa sono fissate 4 gambe smontabili verniciate bianche o nere, con piedini in acciaio spazzolato.

Finitura piano:

Vetro trasparente

Vetro extralight

Vetro bronzo

Vetro fumè

Finitura sottopiano:

Vetro curvato retro argentato

Vetro fumè curvato e retro argentato

Finitura gambe:

Verniciato nero

Finitura piedini:

Acciaio spazzolato

Dimensioni:

Ø 120 x h 40 cm

Ø 130 x h 40 cm

Ø 140 x h 40 cm

Fiam

1973, FIAM, la passione, il progetto: è l’inizio.

Vittorio Livi già da giovanissimo ama tutto del vetro, la sua solidità e fragilità,  la sua semplicità e complessità; lo ritiene un materiale ancestrale ma allo stesso tempo assolutamente innovativo, ecologico e molto pratico.

Nel mondo dell’arredo il vetro era utilizzato prevalentemente nella realizzazione di piccoli complementi od oggetti decorativi ma per il giovane Vittorio Livi è un materiale dalle grandi potenzialità, così il suo sogno prende forma: nasce FIAM, un tutt’uno con la sua passione, una fusione fra tradizione, innovazione, manualità, design e ricerca  per una continua scommessa commerciale e culturale.

Il vetro: il protagonista unico di arredi che stupiscono, affascinano, nulla segna il tempo, la loro unicità, presenza e moda resisteranno inalterate sempre ed ovunque.

Un team altamente qualificato di Maestri Artigiani segue le varie e complesse lavorazioni: argentatura, curvatura, decorazione, fusione, incisione, molatura e scolpitura,.

Ciascun professionista lavora in perfetta sintonia,, sa prevedere e trovare varie soluzioni ad ogni singolo caso per il controllo della forma e la buona riuscita dell’operazione di ciascun oggetto che viene realizzato grazie a tecnologie altamente sofisticate ed uniche.

In FIAM, il Maestro Artigiano è considerato autore del pezzo tanto quanto il Designer.

Con la figura del Designer, FIAM non ha limiti: è una scommessa, è il mettersi sempre in sfida per la realizzazione di qualsiasi idea.

FIAM raccoglie proposte e progetti, creando, se necessario, nuovi macchinari che posano permettere la loro realizzazione, qualche esempio: nel 1982, Massimo Morozzi propone il tavolino Hydra, qualche anno più tardi Philippe Starck, disegna il progetto del tavolo Illusion: nel primo caso nasce “Passer” la macchina capace di spingere l’acqua e polvere abrasiva ad una velocità di 1.00 mt/sec. , per il tavolo Illusion invece l’azienda ha dovuto creare l’impianto che potesse raggiungere i 1.000 gradi.

Per FIAM la settima generazione di impianti di curvatura è già passato, FIAM guarda sempre continuamente ed incessantemente al futuro così la sua sfida continua.

FIAM è apertura e disponibilità nell’accettare in qualsiasi momento audaci proposte, figure emergenti e nuovissime innovazioni di tecnologie e materiali ...

FIAM il magnifico sogno continua!

Doriana e Massimiliano Fuksas

Doriana e Massimiliano Fuksas, architetti e designer alla guida dello studio Fuksas, uno dei più affermati studi di architettura nel mondo, sono i designer di diversi prodotti FIAM: gli specchi in vetro curvato Lucy, Rosy e Mary, e il tavolino in vetro Roy.

Massimiliano Fuksas

Massimiliano Fuksas, di origini lituane, nasce a Roma nel 1944 e consegue la laurea in Architettura presso l’Università La Sapienza nel 1969.

Nel 1967 fonda il suo studio di Roma, a cui fanno seguito quello di Parigi nel 1989 e quello di Shenzhen, in Cina, nel 2008.

Massimiliano Fuksas è tra i principali protagonisti della scena architettonica contemporanea sin dagli anni ‘80. È stato visiting professor presso numerose università, tra le quali: l’École Spéciale d’Architecture di Parigi, l’Akademie der Bildenden Kunste di Vienna, la Staadtliche Akademia des Bildenden Kunste di Stoccarda e la Columbia University di New York.

Nel 2000 è stato Direttore della VII Mostra Internazionale di Architettura di Venezia: “Less Aesthetics, More Ethics”.

Dal 2000 è autore della rubrica di architettura, fondata da Bruno Zevi, del settimanale italiano L’Espresso.

Doriana Fuksas

Doriana O. Mandrelli in Fuksas nasce a Roma dove consegue la laurea in Storia dell’Architettura Moderna e Contemporanea presso l’Università La Sapienza nel 1979 e, successivamente, si laurea anche in Architettura all’ESA di Parigi.

Ha svolto attività didattiche presso il Dipartimento di Storia dell’Arte della Facoltà di Lettere e il Dipartimento di Industrial Design ITACA di Roma La Sapienza.

Nel 2000 per la VII Mostra Internazionale di Architettura di Venezia, “Less Aesthetics, More Ethics”, ha curato quattro "Progetti Speciali": Jean Prouvé, Jean Maneval, il Padiglione della Pace e dell’Architettura degli Spazi e la sezione dedicata all’arte contemporanea.

Dal 1985 collabora con Massimiliano Fuksas e dal 1997 è responsabile di Fuksas Design.

Product Design: le collaborazioni e i progetti di maggiore successo

Oltre a numerosi progetti di architettura di rilievo internazionale, Massimiliano e Doriana Fuksas hanno collaborato con diversi marchi di prestigio al design dei loro prodotti. Alcune delle aziende con cui hanno collaborato sono: iGuzzini, Zeus, Poltrona Frau, Luxy, Short Stories, Alessi, FIAM, Haworth Castelli, Manital e La Murrina.